Il Comune di Calimera ha aderito (delibera di Giunta comunale n. 77 del 27 settembre 2017) alla Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze indetta dall’ONU e promossa da Terres des Hommes con la Campagna “Indifesa” per accendere i riflettori sui diritti negati a milioni di bambine in Italia e nel mondo.

Mercoledì 11 ottobre 2017 alle ore 18.00 presso l’aula consiliare del Comune di Calimera il presidente nazionale della Fondazione Terre des Hommes Italia Raffaele Salinari farà il punto sulla condizione delle bambine e delle ragazze in Italia e nel mondo.

Terre des Hommes, che da sei anni porta avanti la sua Campagna Indifesa, ha predisposto una serie di attività mirate a coinvolgere studenti, cittadini e amministrazioni locali chiamati a far la loro parte nella protezione delle bambine e le ragazze. Con l’inizio dell’anno scolastico, assieme a Kreattiva, sta avviando nelle province di Bari, Foggia, Taranto e Lecce il programma Radio Indifesa su diverse web radio scolastiche, mirato alla conoscenza e alla riflessione su violenza, discriminazioni e stereotipi di genere con la partecipazione degli studenti degli istituti di grado secondario superiore.

Contemporaneamente Terre des Hommes ha chiesto ai Comuni Italiani, con il supporto di Anci, di aderire al Manifesto #indifesa per una città a misura delle bambine, impegnandosi ad orientare le politiche di loro competenza verso una maggiore tutela dei diritti delle bambine e delle ragazze, promuovendo azioni efficaci per il monitoraggio, la prevenzione e il contrasto della violenza e degli stereotipi di genere, ma anche interventi concreti per sensibilizzare i propri cittadini, specie i più piccoli, su sexting, bullismo e cyberbullismo.

Ad oggi sono già diversi i Comuni italiani, tra cui Calimera, che hanno deciso di celebrare la prossima Giornata ONU delle bambine e le ragazze l’11 ottobre e sostenere la Campagna Indifesa. Si tratta di rendere visibile, in un giorno altamente simbolico, il proprio impegno nella protezione dei bambini, in special modo delle bambine, “colorando” di arancione la sede del Comune e tutti i canali di comunicazione (sito, social, ecc.). La Campagna “Indifesa” ha ricevuto il Patrocinio dell’ANCI e del CONI.

Nata 6 anni fa per promuovere i diritti delle bambine e proteggerle da violenze, discriminazioni ed abusi, la Campagna ha l’obiettivo di stimolare la diffusione di una cultura del rispetto e della prevenzione della violenza e delle discriminazioni di genere a partire dai minorenni. oggi più che mai necessaria. Terre des Hommes, membro della campagna internazionale Girls Not Brides (Spose Non Bambine) e dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) è l’organizzazione leader in Italia nella promozione e protezione dei diritti delle bambine e delle ragazze, temi centrali per uno dei più importanti e trasversali obiettivi dello Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 a cui l’Italia ha aderito: il raggiungimento della Parità di Genere, l’emancipazione e l’autostima di tutte le donne le bambine e le ragazze (SDG 5).

Questi sono i traguardi della #OrangeRevolution sognata da Terre des Hommes, a cui possono partecipare anche i privati cittadini, da soli o in gruppo, che condividono questi valori. Basta postare l’11 ottobre sul proprio profilo Facebook, Twitter o Instagram un oggetto, uno slogan, una foto o un selfie dal tocco arancione usando gli hashtag #Indifesa #OrangeRevolution. Perché l’arancione? Oltre ad essere stato il colore che ha caratterizzato varie rivoluzioni, vuole essere un segnale di rottura degli stereotipi di genere, che impongono il rosa come il colore delle bambine ed è, da anni, il colore scelto da Terre des Hommes e dalle Nazioni Unite per dire NO alla violenza di genere.

 

    Posted in: articoli